Narcotango Roma 2014

IMG_3052[1]Organizzare il concerto dei miei amici argentini non è mai solo un lavoro è sempre stato molto di più ricco…
Vuol dire sicuramente avere degli ospiti con i quali passare del tempo… ritrovare delle vite lontane… ricordare e rifare il punto.
Loro Carlos, Fernando, Mariano e Marcelo con la loro musica portano le loro vite… Il privilegio di chi sta dietro alle quinte in queste occasioni è tutta questa parte privata e riservata…
Per esempio la prima sera averli a cena da me con una semplice pizza e ascoltare le notizie fresche della Buenos Aires che adoro. Come dicevo è scoprire le novità sulle vite loro e aggiornare loro sulla mia. E mentre la serata va avanti arriva l’inevitabile momento al pianoforte. Quando Mariano si è seduto al Kawai e insieme al cd ha cominciato a suonare il notturno di Chopin che era solo un sottofondo… lo so vi sembro monotematica ma che ci posso fare! Nulla al mondo ha il suo giusto suono senza questa musica… e così scopro che Mariano prima di essere un grande pianista di tango studiava tutti i miei classici preferiti… Tuttora li studia per esercitarsi… e io mi lascio portare dai racconti e dai suoni… dal classico si passa al tango e al pianoforte si unisce la voce… Carlos canta alcuni brani famosi… io chiedo, Mariano interpreta e Carlos canta…Mi sento così fortunata… E’ talmente bello che mi dispiace non avere tutti i miei amici là intorno al piano… perché dai! se è condiviso è certamente più bello… insomma tutto per me! solo per me… si canta e si suona… ci siamo ritrovati…
La seconda giornata passa con i preparativi di una serata speciale per loro e per gli amici… fa parte della tradizione… devo condividere… ho tanti amici che capiscono e apprezzano e ne vale la pena…
Dunque si organizza la cena con la musica… ma quale musica? Quella che nel momento nella serata in corso ognuno si sente di offrire… sempre a sorpresa… confesso che un po’ li porto io verso il pianoforte ma non devo faticare molto…
In quest’occasione mentre vecchi e nuovi amici incontravano gli artisti e si scambiavano le simpatie tra un piatto di pasta e l’altro… tra sconosciuti e famosi si condivide tutto. Tra gli ospiti Laura Piazzolla e la pittrice Ana Maria Laurent per citare gli argentini solamente.
Argentini e italiani insieme chi sa ma funziona sempre… Funziona per me vuol dire che tutti stanno parlando con qualcuno. Che tutti sorridono o quasi… che il pianoforte è sempre il vero protagonista… e che le cantanti presenti si sono esibite…i ballerini professionisti e non anche. Insomma dovrei ringraziare con nome e cognome tante persone ma poi potrei dimenticare qualcuno e sarei costretta a scusarmi ricordando a tutti che sto invecchiando con tutti i sintomi del caso! Vi faccio una proposta. Se c’eravate raccontate la vostra versione dei ringraziamenti qui nel blog! Allora un grazie infinito a tutti quelli che hanno reso migliore quel bellissimo incontro privato tra artisti e amici. A tutti quelli che hanno trasformato una normalissima cena in un evento unico e irripetibile.
E finalmente l’ultima sera c’era il concerto dei Narcotango al Magic Fly… Qui nessuna sorpresa la professionalità e il tango nuevo in perfetta armonia. Prima e dopo il concerto milonga per i ballerini romani… e durante il concerto di un’ora e mezzo con le musiche dei primi anni e le nuove ancora balli. La pista non è mai stata deserta e questo è un ottimo segno.
Potete trovare l’album fotografico sulla pagina: https://www.facebook.com/claudio.mirabella/media_set… qualche ricordo silenzioso con tanti sorrisi.
Tirando le somme: un lavoro molto intenso perché per ogni momento condiviso ci vuole sempre una certa quantità di preparazione e di impegno e non solo per la parte che riguarda il concerto pubblico… Ma lo faccio sempre con una bella adrenalina! Un’adrenalina che ha garantito sempre questi momenti speciali. Dal 2004 a oggi non ne abbiamo mai sbagliato uno e parlo al plurale perché quello che abbiamo vissuto con i Narcotango a Roma è stato molto bello perché come per tutte le altre volte c’erano anche tutti gli altri.

Prima di chiudere devo assolutamente nominare l’unica persona che non c’entra nulla con la musica ma senza la quale nulla potrebbe accadere di così gradevole, è Luigi Rossetti che rende possibile ogni mio evento sociale da anni perché lui sa cucinare! E io no! Grazie Luigi per omaggiare i miei ospiti con tante prelibatezze da così tanti anni…
Questa è la storia dei giorni o delle sere dovrei dire dei #Narcotangoroma 2014. E peccato per chi non c’era…
#whenlifeisbetter
IMG_3051[1]10830821_922662587744991_5567686666398600548_o

One thought on “Narcotango Roma 2014

  1. super il said:

    siamo a Natale non dimenticare un bel racconto natalizio sul blog !!